Richiesta avanzata da UNIMO al Ministro On.le A. Orlando di sospensione della fattura elettronica

 

Al Sig. Ministro della Giustizia
On. Andrea Orlando

Egregio Ministro,

 

come è noto dal 6 giugno 2014 è divenuto operativo l’obbligo della fatturazione elettronica nei rapporti tra la pubblica amministrazione ed i privati. Da tale data, pertanto, tutti gli uffici giudiziari possono procedere al pagamento di fatture presentate unicamente in formato elettronico attraverso il “Sistema di Interscambio (SDI)” che, effettuato il controllo di integrità, inoltra le fatture agli uffici destinatari che le ricevono sul SIAMM.

Tuttavia, ad oggi, nonostante l’obbligo predetto sia in pieno vigore, il sistema di elaborazione dei processi di pagamento non risulta operativo per carenza delle corrette procedure informatiche e per mancanza di indicazioni agli uffici periferici.

Pertanto, attualmente, il pagamento delle indennità maturate dai magistrati onorari costretti all’obbligo di fatturazione elettronica, è bloccato, con la conseguente impossibilità, per essi, di far fronte ad imminenti oneri tributari.

Ciò porrà seri problemi economici ad una intera categoria, già in fibrillazione per la riforma annunciata.

Ci preme, dunque, sollecitare una pronta risoluzione attraverso l’elaborazione dell’applicativo necessario al Sistema di Interscambio, non ancora fornito agli uffici periferici. Nel caso d’impossibilità di provvedere così in tempi brevi, chiediamo la sospensione dell’obbligo di fatturazione elettronica in attesa che l’Amministrazione si doti di tutti i necessari strumenti per adempiere all’obbligazione remunerativa.

Nel ringraziarLa per l’attenzione, Le porgiamo i più deferenti ossequi.

Genova, lì 10 luglio 2014

Dott.ssa Rossana Ferrari

Dott.ssa Stefania Cacciola